FAQ

Che cos'è il mercato libero?


Secondo quanto previsto dall'Unione europea, da alcuni anni in Italia, come nel resto dei Paesi del continente, ogni consumatore domestico e non domestico può liberamente decidere da quale venditore e a quali condizioni acquistare energia elettrica e gas per le necessità della propria abitazione. Chi esercita questo diritto entra nel cosiddetto "mercato libero", dove è il cliente a decidere quale venditore o tipo di contratto scegliere e quando eventualmente cambiarli selezionando un'offerta che ritiene più interessante e conveniente. Si tratta di una scelta volontaria, che non prevede alcun obbligo. Al cliente finale che non esercita questa scelta o che è impossibilitato a farlo, saranno applicate le condizioni economiche e contrattuali regolate dall'Autorità.




Che cos'è la voltura e come si richiede?


La voltura è la variazione della titolarità di una fornitura da un cliente ad un altro con il medesimo venditore con il quale è possibile negoziare anche nuove condizioni contrattuali, senza interruzione dell'erogazione di energia elettrica e di gas. La richiesta di voltura va presentata tramite il modulo in allegato che dovrai timbrare (in caso di cliente business), firmare e restituire ai nostri uffici via fax allo 0187.610.897 oppure via email all’indirizzo assistenza.clienti@made-in-energy.it




Che cos'è un subentro e come si richiede?


Il subentro, a differenza della voltura, è l'attivazione della fornitura da parte di un nuovo cliente e con qualsiasi società di vendita in seguito alla cessazione del contratto da parte del precedente cliente, che ha richiesto anche la disattivazione del contatore. La richiesta di subentro va presentata tramite il modulo in allegato che dovrai timbrare (in caso di cliente business), firmare e restituire ai nostri uffici via fax allo 0187.610.897 oppure via email all’indirizzo assistenza.clienti@made-in-energy.it




Quanto tempo serve per passare dal vecchio al nuovo venditore?


Per il passaggio effettivo alla nuova fornitura occorrono da uno a due mesi: la nuova fornitura comincia nel momento in cui il nuovo venditore ha compiuto tutti gli atti necessari per gestire gli aspetti tecnici e commerciali del passaggio. La data prevista per il passaggio effettivo deve essere comunicata dal nuovo venditore al momento della firma del contratto.




Come pagare la bolletta


Scegli il metodo di pagamento che più è vicino alle tue esigenze: - tramite addebito diretto sul tuo conto corrente (SDD) - tramite bollettino postate, allegato alla fattura, presso tutti gli uffici postali




Come fare l'autolettura


Comunicare l’autolettura ti consente di avere un profilo di consumo sempre aggiornato. In tal modo, anche in assenza di una lettura effettiva, saremo in grado di inviarti una bolletta sempre in linea con i tuoi consumi. Nella sezione apposita del nostro sito internet trovi tutti i dettagli su come comunicarci la tua autolettura.




Che tipo di cliente sono?


“cliente domestico”,ossia una persona fisica, che utilizza l’energia elettrica per un’abitazione, i locali annessi o pertinenti all’abitazione da un unico punto di prelievo (un solo POD); “condominio con uso domestico”, ossia il punto di prelievo che alimenta un intero edificio, diviso in più unità catastali, in cui ci sia almeno una unità abitativa con utilizzi analoghi a quelli di un cliente domestico. Il contratto per tale punto di riconsegna può anche essere intestato ad una persona giuridica a patto che svolga le funzioni di amministratore del condominio e non sia una società che fornisce servizi di gestione calore o energia; “usi diversi” (Business), ossia un cliente, persona fisica o giuridica, che usa l’energia per usi diversi da quelli riconducibili ai due punti precedenti.




Che cosa si deve fare per passare al mercato libero?


Per passare al mercato libero bisogna scegliere l'offerta che meglio soddisfa le proprie esigenze e sottoscrivere un nuovo contratto di fornitura. Sarà poi il nuovo venditore (Made in Energy) a dover inoltrare la richiesta di chiusura del vecchio contratto al venditore precedente.




Cambiare venditore costa?


No, cambiare venditore non costa nulla.




Da che cosa è formato il costo della fornitura di energia elettrica? Che cosa si paga nella bolletta?


Il costo del servizio di fornitura di elettricità è formato da quattro componenti principali: - spesa per la materia energia - spesa per il trasporto e la gestione del contatore - spesa per oneri di sistema - totale imposte e IVA




Che cosa è la spesa per la materia energia?


Sono gli importi fatturati relativamente alle diverse attività svolte dal venditore per fornire l'energia elettrica al cliente finale.
Comprende le voci relative all'acquisto dell'energia, al dispacciamento (il servizio che garantisce in ogni istante l'equilibrio tra la domanda e l'offerta di energia elettrica) e alla commercializzazione al dettaglio (legata alla gestione dei clienti) più eventuali importi fatturati relativi alle componenti dei meccanismi perequativi dei costi di approvvigionamento.
Per i clienti serviti in maggior tutela, l'Autorità definisce e aggiorna ogni 3 mesi le condizioni economiche di riferimento, tenendo conto principalmente dell'andamento delle quotazioni internazionali degli idrocarburi (petrolio e gas).
Nel mercato libero i costi per la spesa per la materia energia sono stabiliti nel contratto di fornitura, ed è su questi costi che si gioca la concorrenza tra le imprese di vendita.




Che cosa è la spesa per il trasporto e la gestione del contatore?


Sono i costi sostenuti dal distributore per il trasporto dell'energia (a livello nazionale e locale) fino al contatore del cliente e per la lettura dei consumi.
Questa componente rappresenta in media il 15% della spesa totale lorda ed è coperta da tariffe stabilite dall'Autorità con criteri uniformi per l'intero territorio nazionale.
Nella bolletta, gli importi pagati per tali attività sono suddivisi in: Quota fissa, Quota variabile e Quota potenza.




Che cosa è la spesa per oneri di sistema?


Sono gli importi fatturati per coprire i costi relativi ad attività di interesse generale per il sistema elettrico, e che vengono pagati da tutti i clienti finali del servizio elettrico.
In particolare per: - messa in sicurezza del nucleare e misure di compensazione territoriale;
- incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate; - copertura delle agevolazioni tariffarie riconosciute per il settore ferroviario; - sostegno alla ricerca di sistema; - copertura del bonus elettrico (non viene pagato dai clienti cui è stato riconosciuto il bonus sociale); - copertura delle agevolazioni per le imprese a forte consumo di energia; - integrazioni delle imprese elettriche minori e promozione efficienza energetica.




Da che cosa è costituito il prezzo della fornitura di gas? Ovvero, che cosa si paga con la bolletta?


Il prezzo della fornitura di gas è costituito dalle seguenti voci di spesa: - spesa per la materia gas naturale (comprende gli importi fatturati relativamente alle diverse attività svolte dal venditore per l'acquisto della materia prima); - spesa per il trasporto e la gestione del contatore (comprende gli importi fatturati per le diverse attività che consentono ai venditori di consegnare ai clienti finali il gas naturale); - spesa per oneri di sistema (comprende gli importi destinati alla copertura di costi relativi ad attività di interesse generale per il sistema gas che vengono pagati da tutti i clienti finali). - imposte (Comprende le voci relative all'imposta di consumo, l'addizionale regionale e l'Imposta sul Valore Aggiunto - I.V.A.)





MADE IN ENERGY S.r.l. Unipersonale

Sede Legale: Via Vincenzo Monti, 48 – 20123 Milano (MI) 

Sede Operativa: Via Variante Aurelia 153 – 19038 Sarzana (SP) 

Fax: 0187610897 P.Iva e C.F.: 08806480961 

Numero da rete fissa: 800 68 81 19

Numero da rete mobile: 02 45 90 20 40
Società  sottoposta a direzione e coordinamento di 
CANARBINO S.p.A. C.F. 01317810115

  • LinkedIn Icona sociale